Vaccini anti Covid, Morosini: «Locali della Chiesa a disposizione per le vaccinazioni nelle periferie»

L'intervista di Martina Pastorelli, giornalista e conduttrice de #lachiesachecè, al Pastore della Chiesa reggina-bovese.

«Dove non c'è neanche una guardia medica offriamo i nostri locali». E poi una richiesta: «Nelle vaccinazioni si dia priorità anche ai ministri di culto». Monsignor Giuseppe Fiorini Morosini, arcivescovo metropolita di Reggio Calabria - Bova, è stato intervistato da Martina Pastorelli, giornalista e conduttrice de #lachiesachecè. [Qui il link: https://bit.ly/3ic7k9t]
Nel corso della lunga intervista andata in onda il 12 gennaio, il presule è intervenuto su diversi temi d'attualità sottoponendosi alle domande dell'intervistatrice. Non sono mancati i riferimenti all’emergenza-Coronavirus con particolare attenzione alla fase attuale tra il pericolo di una terza ondata e la campagna vaccinale iniziata il 27 dicembre in Italia come nel resto d'Europa.
«Risultano vaccinati poco più di ottomila soggetti al fronte di 25mila dosi disponibili. Parliamo solo del 32%, ben al di sotto della media nazionale del 55%. Ma perché avviene tutto questo? Perché dobbiamo sempre essere costantemente fanalino di coda?» ha detto il Pastore della Chiesa reggina-bovese.
Morosini ha avanzato una perplessità sulle tappe individuate dalla campagna nazionale: «Quando si parla di vaccinare le persone “a rischio” perché non si includono anche i sacerdoti che quotidianamente vivono la comunità, la visita ai malati e lo stare in relazione con gli altri? Ho l’impressione - ha dichiarato Morosini - che si sta ampliando una cultura per cui alla Chiesa si deve solo chiedere, ma non si pensa mai a dare quello che è necessario per svolgere il proprio magistero».
Monsignor Morosini parlando a proposito della situazione calabrese ha avanzato una proposta: «Siamo disponibili ad offrire i nostri locali per somministrare i vaccini sul territorio di Reggio Calabria, specialmente in quelle zone del territorio in cui non esiste neanche la guardia medica».
L’arcivescovo, però, si attende i dovuti riscontri dalle Autorità competenti per poter formalizzare la disponibilità dell’arcidiocesi reggina di farsi prossima alle istituzioni statali in questo servizio: servono interlocutori chiari. «Manca una progettazione rispetto alla campagna di vaccinazione sul territorio di Reggio Calabria: al momento non è chiaro con chi definire questa possibilità che ci sta molto a cuore», ha precisato Morosini.
Infine, l'arcivescovo di Reggio Calabria ha voluto concludere la sua riflessione sul Covid-19 con un pensiero globale sui duri mesi che si stanno vivendo: «La speranza di uscire dall’incubo-Coronavirus si può pensare possa dipendere solo dalla “buona volontà” dei singoli, ma questo non è sufficiente. Serve piuttosto un'azione lungimirante da parte di chi governa: purtroppo i problemi sono tanti e ancora totalmente irrisolti».

Copyright © Arcidiocesi di Reggio Calabria - Bova 2021


Back to top

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, al solo fine di migliorare la navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per leggere l'informativa estesa clicca su Leggi l'informativa.